Informativa COVID-19

In considerazione dei rischi legati alla pandemia in corso, gli organizzatori di pacchetti turistici, le strutture ricettive ed i fornitori di singoli servizi turistici e di trasporto potrebbero prevedere delle variazioni o limitazioni ai servizi normalmente disponibili, in adempimento alle linee guida e alle norme applicabili.

La invitiamo a prendere visione con attenzione delle spese di recesso (penali di cancellazione) previste dall’organizzatore del pacchetto / fornitore del servizio e le condizioni relative alla sua tariffa. Il recesso per motivi o timori personali o giustificato dal non voler sottoporsi a test, isolamento fiduciario, quarantena o da altre circostanze di natura soggettiva (ad es. revoca delle ferie, perdita del lavoro) potrebbe comportare l’addebito delle penali.

Consigliamo fortemente la stipula di polizze assicurative a copertura delle penali di cancellazione, nonché di polizze di assistenza sanitaria, pagamento di spese mediche, protezione del bagaglio o indennizzi per disagi da prolungamento forzato del viaggio e che tengano in considerazione gli imprevisti causati da Covid -19.

La sua richiesta di prenotazione comporta la consapevolezza della natura mutevole e imprevedibile del decorso della pandemia e della possibilità che vengano adottate in futuro nuove e divere misure di sicurezza, regole e limitazioni agli spostamenti.

La invitiamo a prendere visione nel focus dedicato al Coronavirus raggiungibile dalla home page del sito www.esteri.it.

Si consiglia caldamente di effettuare il questionario interattivo disponibile all’indirizzo: https://infocovid.viaggiaresicuri.it/  per verificare gli adempimenti e la normativa aggiornata sugli spostamenti da/per l’estero.

Le informazioni e le regole sono oggetto di frequenti aggiornamenti, senza preavviso, da parte delle relative autorità, per cui è necessario un costante controllo sui siti indicati.

 

Fino al 30 luglio, la disciplina generale per gli spostamenti è contenuta nel DPCM 2 marzo 21, nelle ordinanze min. Salute 14.05.21 e 18.06.21 e nel Decreto-legge 22 aprile 2021 n. 52.

SPOSTAMENTI IN ITALIA: si deve fare riferimento alle regole e alle limitazioni previste per la fascia di rischio regionale, aggiornata settimanalmente oltre ad eventuali ordinanze regionali.

SPOSTAMENTI DA E PER L’ESTERO: le norme italiane individuano 5 elenchi di paesi esteri a cui si applicano misure differenti + alcuni paesi sottoposti a misure speciali. È necessario che prima della prenotazione e prima della partenza il viaggiatore verifichi sul sito www.viaggiaresicuri.it in quale elenco si trova lo stato di destinazione (e transito), quali sono gli adempimenti da espletare per poter effettuare il viaggio e quali sono le regole applicabili da e per lo stato di destinazione; tale sito riporta sia le regole per il rientro in Italia, sia le regole di ingresso stabilite dallo stato di destinazione: vanno verificate entrambe. Chiunque rientri in Italia o faccia ingresso in Italia, per una qualsiasi durata di tempo, a bordo di qualsiasi mezzo di trasporto, PRIMA dell’ingresso nel territorio nazionale, deve compilare il modulo digitale di localizzazione del passeggero (digital Passenger Locator Form – dPLF), collegandosi al sito: https://app.euplf.eu/#/ e creando un account.     Anche alcuni stati esteri hanno previsto l’obbligo di compilare un dPLF, prima dell’ingresso nello stato estero, tramite specifiche piattaforme, diverse da quelle italiane.    Sono introdotti gli ingressi con certificazioni verdi dai Paesi in elenco C, dal Canada, dal Giappone e dagli Stati Uniti (i dettagli vanno verificati sul sito www.viaggiaresicuri.it selezionando il paese estero interessato).     Se le regole prevedono l’obbligo di tampone, si consiglia di munirsi di certificazioni di tampone negativo in doppia lingua (italiano e inglese).

Non è possibile viaggiare per turismo verso i paesi in elenco E.     Regole speciali per chi utilizza voli Covid-tested.

SPOSTAMENTI IN UNIONE EUROPEA e stati in elenco C: oltre a quanto sopra evidenziato, si raccomanda la presa visione del sito https://reopen.europa.eu/it/    Chi fa ingresso in Italia deve presentare la certificazione verde Covid-19 (EU digital Covid certificate) che attesti il completamento del ciclo vaccinale da almeno 14 gg o l’avvenuta guarigione o l’effettuazione nelle 48 h antecedenti all’ingresso in Italia di test antigenico rapido o molecolare con esito negativo. Informazioni e dettagli sul sito: https://www.dgc.gov.it/web/